11
Nov
13

Indennità suppletiva di clientela – deducibilità

  • Gli accantonamenti per indennità di cessazione del rapporto di agenzia sono deducibili per competenza dal reddito d’impresa in tutte le sue componenti, in applicazione dell’art. 1751 C.C. nella formulazione in vigore dal 1.01.1993. Pertanto, anche gli accantonamenti per indennità suppletiva di clientela, poiché ricompresa tra le indennità per la cessione di rapporti di agenzia (cui fa riferimento l’art. 17 del Tuir), devono ritenersi deducibili per competenza. È questo il chiarimento fornito dall’Agenzia delle Entrate, con il quale si precisa che, in base al recente orientamento della Corte di Cassazione, il divieto di deducibilità relativo all’indennità suppletiva di clientela resta valido esclusivamente per gli accantonamenti effettuati in periodi di imposta precedenti alla modifica normativa dell’art. 1751 C.C. (ossia dal 1.01.1993).
  • In particolare, la Cassazione (sentenze n. 13506, 13507 e 13508 del 2009; n. 8134 del 2011; n. 8288 del 2013) ha evidenziato che, in applicazione della norma civilistica che disciplina l’indennità di cessazione del rapporto di agenzia nella formulazione in vigore dal 1.01.1993, non esiste più un richiamo (neanche implicito) alle tre componenti dell’indennità di fine rapporto per gli agenti di commercio (“indennità di risoluzione del rapporto”; “indennità suppletiva di clientela” e “indennità meritocratica”), in ragione del quale poteva sostenersi l’indeducibilità degli accantonamenti per indennità suppletiva di clientela a motivo della sua aleatorietà. Pertanto, poiché il codice civile e il Tuir in vigore fanno riferimento all’indennità di cessazione del rapporto di agenzia nel suo complesso, deve ritenersi che le condizioni per la corresponsione dell’indennità di cessazione del rapporto di agenzia si riferiscono ora all’intera indennità, per la quale l’art. 105 del Tuir dispone espressamente la deducibilità dei relativi accantonamenti. Per la stessa Suprema Corte, in ogni caso, il nuovo orientamento non contrasta con la precedente giurisprudenza (contraria alla deducibilità degli accantonamenti). Quelle sentenze, infatti, erano motivate sulla base di un differente presupposto normativo.

rif. Il Sole 24Ore 9.11.2013 p. 24
Circ. Ag. Entrate 8.11.2013 n. 33/E


0 Responses to “Indennità suppletiva di clientela – deducibilità”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


novembre: 2013
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

categorie

archivi


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: