By tcalb

Il Decreto Crescita 2.0 (DL n. 179/2012) prevede che dal 2014 tutti i soggetti esercenti l’attività di vendita di prodotti e di prestazioni di servizi, anche professionali, siano obbligati ad accettare pagamenti tramite carte di debito (bancomat/carte di credito).

Tuttavia ad oggi non è stato emanato il decreto attuativo che dovrebbe prevedere che l’obbligo di dotarsi di POS scatterebbe solo per pagamenti superiori a 30 euro e, sino al 30 giugno 2014, solo nei confronti di soggetti che hanno realizzato un volume d’affari superiore ad euro 200.000. Da luglio l’obbligo sarebbe generalizzato. (Nota del Ministero dello sviluppo del 20.01.2014*)

Al momento quindi l’obbligo è solo formale e, allo stato attuale, non sono previste sanzioni per l’inadempimento.

AGGIORNAMENTO 2014.01.28 – PUBBLICATO IL DECRETO ATTUATIVO

  • È stato pubblicato nella G.U. 27.01.2014, n. 21 il D.M. Sviluppo Economico – Economia 24.01.2014, che dal 28.03.2014  obbliga i professionisti e le imprese ad accettare pagamento tramite Pos per acquisti da parte di privati di prodotti e servizi di importo superiore a 30 euro.
  • Tale obbligo opera, fino al 30.06.2014, limitatamente ai pagamenti da effettuarsi nei confronti di imprese e professionisti con fatturato oltre i 200.000 euro.
* Decreto POS, MISE: Immutati le soglie di 30 e 200.000 EURO e i tempi d’attuazione
Nota dell’Ufficio Stampa
Roma, 20 gennaio 2014- L’ufficio stampa del Ministero dello Sviluppo Economico precisa che il testo di decreto che disciplina l’uso di moneta elettronica per i pagamenti  di beni, servizi e prestazioni professionali è uno e uno solo e che, di conseguenza, non è in atto alcuna retromarcia rispetto all’ambito e alle modalità della sua applicazione. Il testo in questione è stato inviato alla Banca d’Italia e al Ministero delle Finanze per il necessario concerto.

I punti caratterizzanti di tale decreto sono i seguenti:
•    Obbligo di accettare le carte di debito per i pagamenti si applica a tutte le transazioni di importo superiore ai 30 euro;
•    Fino al 30 giugno 2014, l’obbligo di accettazione di pagamenti elettronici  vale solo per le attività commerciali o professionali che abbiano un fatturato – relativamente all’anno precedente-superiore a 200 mila euro;
•    Il testo prevede tempi molto rapidi per la sua completa attuazione: l’entrata in vigore si avrà infatti dopo 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, mentre entro i successivi novanta giorni potranno essere definite- attraverso un ulteriore decreto- le modalità di adeguamento per i soggetti inizialmente esclusi (ossia quelli con fatturato inferiore a 200 mila euro).


0 Responses to “Accettazione di pagamenti elettronici da parte di commercianti ed esercenti attività di servizi, anche professionali. Obbligo di dotazione di POS.”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




dicembre: 2016
L M M G V S D
« Dic    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

categorie

archivi


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: