By tcalb

Dal 1.01.2012 vengono messe a regime, senza più limite temporale, sia la detrazione del 36% delle spese sostenute per il recupero edilizio, sia quella del 36% che spetta nel caso di interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia di cui all’art. 3, c. 1, lett. c) e d) Dpr 380/2001, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedano, entro 6 mesi dalla data di termine dei lavori, alla successiva alienazione o assegnazione dell’immobile, compresi gli interventi .
La norma, ora inserita nel Testo Unico delle Imposte dirette all’art 16-bis, rende quindi definitiva l’agevolazione senza apportare modifiche sostanziali .
Tra le spese sostenute sono comprese anche quelle di progettazione e per prestazioni professionali connesse all’esecuzione delle opere edilizie e alla messa a norma degli edifici, ai sensi della legislazione vigente in materia.
Se gli interventi realizzati in ciascun anno sono mera prosecuzione di interventi iniziati in anni precedenti, ai fini del computo del limite massimo di euro 48.000 per immobile delle spese ammesse a fruire della detrazione si tiene conto anche delle spese sostenute negli stessi anni.
In caso di unità immobiliari residenziali adibite promiscuamente all’esercizio dell’arte o della professione, o all’esercizio dell’attività commerciale, la detrazione spettante è ridotta al 50%.
La detrazione è ripartita in 10 quote annuali costanti e di pari importo nell’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi ed è eliminata la possibilità di rateazione abbreviata per i soggetti ultrasettantacinquenni. In caso di decesso dell’avente diritto, la fruizione del beneficio fiscale si trasmette, per intero, esclusivamente all’erede che conservi la detenzione materiale e diretta del bene.
In caso di vendita dell’unità immobiliare sulla quale sono stati realizzati gli interventi, la detrazione non utilizzata è trasferita per i rimanenti periodi di imposta, salvo diverso accordo delle parti, all’acquirente persona fisica dell’unità immobiliare.


0 Responses to “Detrazione spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio (36%) Art. 4,c.1”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




dicembre: 2016
L M M G V S D
« Dic    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

categorie

archivi


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: