By tcalb

I contribuenti soggetti agli studi di settore, che, anche per effetto dell’adeguamento, dichiarano ricavi o compensi almeno pari al limite di congruità beneficeranno di limiti all’attività accertativa alle seguenti condizioni:
1.    il contribuente abbia regolarmente assolto gli obblighi di comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore, indicando fedelmente tutti i dati previsti;
2.    il contribuente risulti coerente con gli specifici indicatori
Sostanzialmente quindi, nei confronti dei contribuenti congrui e coerenti,
–    sono preclusi gli accertamenti basati sulle presunzioni semplici;
–    sono ridotti di un anno i termini di decadenza per l’attività di accertamento (salvo che ricorrano reati previsti dal D. Lgs. 74/2000);
–    la determinazione sintetica del reddito complessivo è ammessa a condizione che il reddito complessivo accertabile ecceda di almeno 1/3 quello dichiarato.
Per contro, nei confronti dei contribuenti che dichiarano ricavi o compensi inferiori a quelli risultanti dall’applicazione degli studi di settore e per i quali non risulti la congruità, i controlli sono svolti prioritariamente con l’utilizzo dell’accertamento bancario.
Le nuove norme si applicano dalle dichiarazioni relative all’annualità 2011


0 Responses to “Studi di settore Art. 10, cc. 9-13”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




dicembre: 2016
L M M G V S D
« Dic    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

categorie

archivi


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: